Advanced search

Alcune considerazioni sull’uso di incipio nel latino imperiale e tardo

(2016) Arctos. 50. p.35-58
Author
Organization
Abstract
Nel presente contributo si discute l’uso di incipio accompagnato da infinito in testi latini del periodo imperiale e tardo (I-VI secolo) . In particolare ci si soffermerà da un lato sull’indebolimento semantico di incipio, che risulta talora impiegato in modo pleonastico, dall’altro, più approfonditamente, sugli usi ‘prospettivi’ della perifrasi, quelli cioè in cui essa è o pare essere adottata in luogo di un futuro semplice, es. Vet. Lat. Luc. 9,44 (codd. a,e2,c) filius hominis … incipit tradi (= tradetur) in manus hominum (μέλλει παραδίδοσθαι, Vulg. futurum est, ut tradatur). Quest’ultimo rappresenta un uso noto, spesso citato negli studi , la cui origine tuttavia non è mai stata adeguatamente indagata. Nella nostra analisi cercheremo di mostrare che si tratta di un tecnicismo del latino dei cristiani che non ha, probabilmente, alcun nesso con la lingua parlata.
Keywords
incohative verbs, auxiliary future, grammaticalization, coepi, Incipio

Citation

Please use this url to cite or link to this publication:

Chicago
Galdi, Giovanbattista. 2016. “Alcune Considerazioni Sull’uso Di Incipio Nel Latino Imperiale e Tardo.” Arctos 50: 35–58.
APA
Galdi, G. (2016). Alcune considerazioni sull’uso di incipio nel latino imperiale e tardo. Arctos, 50, 35–58.
Vancouver
1.
Galdi G. Alcune considerazioni sull’uso di incipio nel latino imperiale e tardo. Arctos. 2016;50:35–58.
MLA
Galdi, Giovanbattista. “Alcune Considerazioni Sull’uso Di Incipio Nel Latino Imperiale e Tardo.” Arctos 50 (2016): 35–58. Print.
@article{8033738,
  abstract     = {Nel presente contributo si discute l{\textquoteright}uso di incipio accompagnato da infinito in testi latini del periodo imperiale e tardo (I-VI secolo) . In particolare ci si soffermer{\`a} da un lato sull{\textquoteright}indebolimento semantico di incipio, che risulta talora impiegato in modo pleonastico, dall{\textquoteright}altro, pi{\`u} approfonditamente, sugli usi {\textquoteleft}prospettivi{\textquoteright} della perifrasi, quelli cio{\`e} in cui essa {\`e} o pare essere adottata in luogo di un futuro semplice, es. Vet. Lat. Luc. 9,44 (codd. a,e2,c) filius hominis {\textellipsis} incipit tradi (= tradetur) in manus hominum (\ensuremath{\mu}\unmatched{03ad}\ensuremath{\lambda}\ensuremath{\lambda}\ensuremath{\epsilon}\ensuremath{\iota} \ensuremath{\pi}\ensuremath{\alpha}\ensuremath{\rho}\ensuremath{\alpha}\ensuremath{\delta}\unmatched{03af}\ensuremath{\delta}\ensuremath{o}\ensuremath{\sigma}\ensuremath{\theta}\ensuremath{\alpha}\ensuremath{\iota}, Vulg. futurum est, ut tradatur). Quest{\textquoteright}ultimo rappresenta un uso noto, spesso citato negli studi , la cui origine tuttavia non {\`e} mai stata adeguatamente indagata. Nella nostra analisi cercheremo di mostrare che si tratta di un tecnicismo del latino dei cristiani che non ha, probabilmente, alcun nesso con la lingua parlata.},
  author       = {Galdi, Giovanbattista},
  issn         = {0066-6998},
  journal      = {Arctos},
  keyword      = {incohative verbs,auxiliary future,grammaticalization,coepi,Incipio},
  language     = {ita},
  pages        = {35--58},
  title        = {Alcune considerazioni sull{\textquoteright}uso di incipio nel latino imperiale e tardo},
  volume       = {50},
  year         = {2016},
}