Ghent University Academic Bibliography

Advanced

Oralità e socalità nell'Accademia degli Accesi: 'Degli errori d'inclinazione poetica' di Pier Jacopo Martello [1697]

Rossella Bonfatti UGent (2013) The Italian Academies 1525-1700 : the first intellectual networks of Early Modern Europe, Proceedings.
abstract
L’intervento si focalizza sull’orazione inedita di Pier Jacopo Martello, Degli errori d’inclinazione poetica [1697], ritrovata tra le carte muratoriane, che rappresenta, allo stato attuale delle ricerche, uno dei rari testi superstiti delle sedute dell’Accademia degli Accesi di Bologna. Quest’ultima, nata il 21 dicembre 1686, in antinomia ai Gelati, per iniziativa di un gruppo di giovani aristocratici, già membri degli Inabili o Indivisi (tra cui lo stesso Martello, Eustachio Manfredi, Francesco Pepoli, Nicolò Fava, Prospero Malvezzi Pietro Antonio Bernardoni, Girolamo Gigli), si qualifica come un’istituzione culturale aperta al ‘nuovo’ e retta da un’impostazione professionalizzante del sapere scientifico e umanistico. Come hanno dimostrato gli studi di Maria Cristina Bergamini, Marta Cavazza, Gian Paolo Brizzi, Amedeo Quondam, Elisabetta Graziosi, Mario Fanti – che hanno affinato, seppur da focali differenti, le linee tracciate da Maylander nel suo regesto delle accademie italiane – il modello culturale degli Accesi rimane ibrido, proto-moderno poiché all’ideale cavalleresco-mondano (con i suoi connotati di eutrapelia, convenienza, prestigio, dilettantismo erudito) si affiancano l’apprendistato tecnico, la divulgazione scientifica e la discussione critica del sapere. L’arte della parola convive insomma con il suo messaggio pratico, con la sua funzione pedagogica. L’orazione, che rientrava in un ciclo di relazioni sugli “Errori in ordine delle professioni scientifiche” (insieme a quelle di Luigi Cristiani sugli “errori dei sensi”, di Eustachio Manfredi sugli “errori immaginazione”, di Alberto Grassi sugli “errori dell’intelletto”, di Giovanni Maria Piantini sugli “errori di passioni”), tutte ispirate alla Recerche malebranchiana, testimonia una feconda prassi di conversazione filosofica e letteraria in seno alla Colonia Renia del tardo Seicento, dove s’intrecciavano istanze tardo-barocche e fermenti arcadici, petrarchismo moderato, uct pictura poësis, cartesianesimo. Da questo punto di vista il testo del Martello può essere visto anche come un manifesto di modernità letteraria, cadenzato nelle forme di summa pedagogica, dove trovano posto l’analitica dei sentimenti, la poetica del «non-so-che di grazioso e faceto», il significato dell’eloquenza e del diletto nell’esercizio delle arti e delle scienze, i rivisitati richiami cinquecenteschi al genio, all’imitazione dei classici e al culto dell’originalità. Oltre al contesto storico-culturale di appartenenza, ci preme sottolineare la qualità retorica dell’orazione, che pur presentandosi in trascrizione apografa, trattiene – all’interno di una costruzione fortemente apodittica focalizzata sul concetto di ‘inclinazione poetica’ – la marca d’autore nei caratteri di agilità discorsiva e teatralizzazione della parola, con frequente uso di allegoresi, travestimenti ironici, inserti favolistici, digressioni oniriche. Vi si respira quell’osmosi tra accademia e università, tra razionalismo scientifico e classicismo, tra ethos pubblico e privato, tra studio dei classici e filosofia della naturalezza, tra “autori di pratica” ed “autori di teorica”, in anni di equilibri incerti e trapassi, come gli ultimi decenni del Seicento, durante i quali l’Accademia degli Accesi assumerà un assetto extracittadino e riformatore, aperto all’enciclopedia moderna e al buon gusto per dare voce alla nascente Repubblica Letteraria settecentesca.
Please use this url to cite or link to this publication:
author
organization
year
type
conference
publication status
in press
subject
keyword
Accademia degli Accesi, Pier Jacopo Martello, Modernity, Italian Academies, European Modern History, Network of knowledge
in
The Italian Academies 1525-1700 : the first intellectual networks of Early Modern Europe, Proceedings
editor
Jane Everson and Simone Testa
conference name
The Italian Academies 1525-1700 : the first intellectual networks of Early Modern Europe
conference location
London, UK
conference start
2012-09-17
conference end
2012-09-18
language
Italian
UGent publication?
yes
classification
C1
id
3028555
handle
http://hdl.handle.net/1854/LU-3028555
alternative location
http://www.bl.uk/whatson/events/event135494.html
http://italianacademies.org/2012/06/conference-programme/
date created
2012-10-14 17:39:18
date last changed
2012-12-20 14:28:13
@inproceedings{3028555,
  abstract     = {L{\textquoteright}intervento si focalizza sull{\textquoteright}orazione inedita di Pier Jacopo Martello, Degli errori d{\textquoteright}inclinazione poetica [1697], ritrovata tra le carte muratoriane, che rappresenta, allo stato attuale delle ricerche, uno dei rari testi superstiti delle sedute dell{\textquoteright}Accademia degli Accesi di Bologna. Quest{\textquoteright}ultima, nata il 21 dicembre 1686, in antinomia ai Gelati, per iniziativa di un gruppo di giovani aristocratici, gi{\`a} membri degli Inabili o Indivisi (tra cui lo stesso Martello, Eustachio Manfredi, Francesco Pepoli, Nicol{\`o} Fava, Prospero Malvezzi Pietro Antonio Bernardoni, Girolamo Gigli), si qualifica come un{\textquoteright}istituzione culturale aperta al {\textquoteleft}nuovo{\textquoteright} e retta da un{\textquoteright}impostazione professionalizzante del sapere scientifico e umanistico. Come hanno dimostrato gli studi di Maria Cristina Bergamini, Marta Cavazza, Gian Paolo Brizzi, Amedeo Quondam, Elisabetta Graziosi, Mario Fanti -- che hanno affinato, seppur da focali differenti, le linee tracciate da Maylander nel suo regesto delle accademie italiane -- il modello culturale degli Accesi rimane ibrido, proto-moderno poich{\'e} all{\textquoteright}ideale cavalleresco-mondano (con i suoi connotati di eutrapelia, convenienza, prestigio, dilettantismo erudito) si affiancano l{\textquoteright}apprendistato tecnico, la divulgazione scientifica e la discussione critica del sapere. L{\textquoteright}arte della parola convive insomma con il suo messaggio pratico, con la sua funzione pedagogica. L{\textquoteright}orazione, che rientrava in un ciclo di relazioni sugli {\textquotedblleft}Errori in ordine delle professioni scientifiche{\textquotedblright} (insieme a quelle di Luigi Cristiani sugli {\textquotedblleft}errori dei sensi{\textquotedblright}, di Eustachio Manfredi sugli {\textquotedblleft}errori immaginazione{\textquotedblright}, di Alberto Grassi sugli {\textquotedblleft}errori dell{\textquoteright}intelletto{\textquotedblright}, di Giovanni Maria Piantini sugli {\textquotedblleft}errori di passioni{\textquotedblright}), tutte ispirate alla Recerche malebranchiana, testimonia una feconda prassi di conversazione filosofica e letteraria in seno alla Colonia Renia del tardo Seicento, dove s{\textquoteright}intrecciavano istanze tardo-barocche e fermenti arcadici, petrarchismo moderato, uct pictura po{\"e}sis, cartesianesimo. Da questo punto di vista il testo del Martello pu{\`o} essere visto anche come un manifesto di modernit{\`a} letteraria, cadenzato nelle forme di summa pedagogica, dove trovano posto l{\textquoteright}analitica dei sentimenti, la poetica del {\guillemotleft}non-so-che di grazioso e faceto{\guillemotright}, il significato dell{\textquoteright}eloquenza e del diletto nell{\textquoteright}esercizio delle arti e delle scienze, i rivisitati richiami cinquecenteschi al genio, all{\textquoteright}imitazione dei classici e al culto dell{\textquoteright}originalit{\`a}. Oltre al contesto storico-culturale di appartenenza, ci preme sottolineare la qualit{\`a} retorica dell{\textquoteright}orazione, che pur presentandosi in trascrizione apografa, trattiene -- all{\textquoteright}interno di una costruzione fortemente apodittica focalizzata sul concetto di {\textquoteleft}inclinazione poetica{\textquoteright} -- la marca d{\textquoteright}autore nei caratteri di agilit{\`a} discorsiva e teatralizzazione della parola, con frequente uso di allegoresi, travestimenti ironici, inserti favolistici, digressioni oniriche. Vi si respira quell{\textquoteright}osmosi tra accademia e universit{\`a}, tra razionalismo scientifico e classicismo, tra ethos  pubblico e privato, tra studio dei classici e filosofia della naturalezza, tra {\textquotedblleft}autori di pratica{\textquotedblright} ed {\textquotedblleft}autori di teorica{\textquotedblright}, in anni di equilibri incerti e trapassi, come gli ultimi decenni del Seicento, durante i quali l{\textquoteright}Accademia degli Accesi assumer{\`a} un assetto extracittadino e riformatore, aperto all{\textquoteright}enciclopedia moderna e al buon gusto per dare voce alla nascente Repubblica Letteraria settecentesca.},
  author       = {Bonfatti, Rossella},
  booktitle    = {The Italian Academies 1525-1700 : the first intellectual networks of Early Modern Europe, Proceedings},
  editor       = {Everson, Jane and Testa, Simone},
  keyword      = {Accademia degli Accesi,Pier Jacopo Martello,Modernity,Italian Academies,European Modern History,Network of knowledge},
  language     = {ita},
  location     = {London, UK},
  title        = {Oralit{\`a} e socalit{\`a} nell'Accademia degli Accesi: 'Degli errori d'inclinazione poetica' di Pier Jacopo Martello [1697]},
  url          = {http://www.bl.uk/whatson/events/event135494.html},
  year         = {2013},
}

Chicago
Bonfatti, Rossella. 2013. “Oralità e Socalità nell’Accademia Degli Accesi: ‘Degli Errori D’inclinazione Poetica’ Di Pier Jacopo Martello [1697].” In The Italian Academies 1525-1700 : the First Intellectual Networks of Early Modern Europe, Proceedings, ed. Jane Everson and Simone Testa.
APA
Bonfatti, R. (2013). Oralità e socalità nell’Accademia degli Accesi: “Degli errori d”inclinazione poetica’ di Pier Jacopo Martello [1697]. In J. Everson & S. Testa (Eds.), The Italian Academies 1525-1700 : the first intellectual networks of Early Modern Europe, Proceedings. Presented at the The Italian Academies 1525-1700 : the first intellectual networks of Early Modern Europe.
Vancouver
1.
Bonfatti R. Oralità e socalità nell’Accademia degli Accesi: “Degli errori d”inclinazione poetica’ di Pier Jacopo Martello [1697]. In: Everson J, Testa S, editors. The Italian Academies 1525-1700 : the first intellectual networks of Early Modern Europe, Proceedings. 2013.
MLA
Bonfatti, Rossella. “Oralità e Socalità nell’Accademia Degli Accesi: ‘Degli Errori D’inclinazione Poetica’ Di Pier Jacopo Martello [1697].” The Italian Academies 1525-1700 : the First Intellectual Networks of Early Modern Europe, Proceedings. Ed. Jane Everson & Simone Testa. 2013. Print.